Attività delle Fondazioni >> Istituto di Studi su Cassiodoro e sul Medioevo in Calabria
 
Indirizzo Salita Tirone, presso Casa delle Culture
(nuovo indirizzo)
Città SQUILLACE
CAP 88069
Recapito telefonico 0961-912159
Fax 0961-912159
E-mail cassiodoro1@libero.it
Orari Apertura  
Direttore Prof. Antonio Labate

L'Istituto di Studi su Cassiodoro è sorto per i pressanti ed autorevoli voti emersi durante la Settimana di Studi su Flavio Magno Aurelio Cassiodoro Senatore tenuta a Squillace nel settembre 1983, in occasione del XV° centenario della morte, a cui intervennero eminenti figure del mondo universitario e culturale europeo. In quella occasione,infatti, su proposta di Jean Fontane, l'assemblea dei convegnisti votò al riguardo un importante documento datato Squillace-Vivarium 24 settembre 1983; la Giunta Provinciale di Catanzaro fece propri quegli appelli e, con la delibera n. 1693 del 15 aprile 1985, promosse la costituzione di un Centro Studi Cassiodorei in Squillace, approvando anche uno schema di Statuto stilato dalla Facoltà di Lettere della Università della Calabria.
Il Consiglio Comunale di Squillace, il 22 gennaio 1986, diede l'adesione ed il patrocinio al Centro Studi, stabilendo immediati raccordi con gli Enti e gli organismi interessati.
L'accoglienza convinta dell'iniziativa negli ambienti culturali, politici e religiosi della Calabria, consigliò di ampliare il progetto originario creando un apposito Istituto di Studi e di estendere l'attività scientifica al Medio Evo in Calabria.
La Regione Calabria, con la legge n. 21 dell'8 agosto 1988, stabiliva di aderire all'Istituto fissando l'organico del personale ed il finanziamento.
Il 5 agosto 1989 veniva fondato a Squillace con atto del notaio Natale Naso, n. 20457 di Repertorio, l' Istituto di Studi su Cassiodoro e sul Medio Evo in Calabria, con sede in via SS. Apostoli n. 4, il cui Statuto veniva integrato e perfezionato con atto del notaio Bianca Lopez n. 11936 di Repertorio e n.3998. L’Istituto ha una sua rivista “VIVARIUM SCYLLACENSE – Bollettino dell’Istituto di studi su Cassiodoro e sul Medioevo in Calabria” (ISSN 1121–5860).

ATTIVITA' SVOLTE NEGLI ULTIMI 3 ANNI

L’Istituto Cassiodoro ha svolto numerosi interventi di progettazione, attuazione, gestione e promozione di programmi culturali. Si fa, in questa occasione, riferimento all’ultimo triennio, in quanto servirebbe moltissimo spazio per elencare tutto: conferenza di presentazione del libro di Mauro Agosto, “Impiego e definizione dei tropi e schemi retorici nell’Expositio Psalmorum di Cassiodoro”; una conferenza di presentazione della miscellanea in onore di Sandro Leanza, “Ad contemplandam sapientiam”; borse di studio in favore di laureandi per tesi su Cassiodoro; collaborazione con l’Istituto “La Magna Grecia” di Roma per un convegno sulle civiltà e le religioni; collaborazione con il Comune di Squillace, nell’ambito del programma Leader Plus “Recupero della memoria storica e dell’identità culturale delle comunità locali”, per la gestione del progetto “Casa di Cassiodoro” e dell’immobile per la fruizione da parte di studiosi e visitatori, e considerare la stessa “casa di Cassiodoro” sede aggiuntiva di quella già assegnata con deliberazione n. 11/2003; utilizzo di operatori del Servizio Civile, per la sistemazione e la catalogazione dei libri della biblioteca, e l’apertura dei locali dell’Istituto secondo orari stabiliti, tutti i giorni; avvio di un contratto di edizione con la prestigiosa casa editrice “La scuola di Pitagora” di Napoli per riprendere la pubblicazione dell’altrettanto prestigiosa rivista di studi “Cassiodorus”; stipula di un contratto di collaborazione con il professor Franco Cardini, dell’Università di Firenze, per la realizzazione dell’opera “Cassiodoro Il Grande”: il volume è stato poi pubblicato da Jaca Books, in collaborazione con l’associazione Centro Culturale Cassiodoro; partecipazione alla realizzazione dell’opera teatrale “Un giorno al Vivarium di Cassiodoro”, per la regia di Mario Maruca, parte conclusiva del progetto “Il Vivario di Cassiodoro”, svolto a Squillace per la realizzazione, appunto, di una messa in scena teatrale ispirata alla figura di Flavio Magno Aurelio Cassiodoro e proposto dal Comune di Squillace in collaborazione con l’associazione Onlus “Il vaporetto allegro” di Catanzaro e il patrocinio dell’assessorato regionale alla Cultura; per la stesura del testo teatrale, che trae spunto dalle opere dello stesso Cassiodoro e dalle Sacre Scritture, ci si è avvalsi del prezioso fondo librario dell’Istituto di Studi su Cassiodoro e sul Medioevo in Calabria; lo spettacolo ha contribuito alla diffusione della conoscenza storica della figura e degli insegnamenti dell’illustre figlio di Squillace; riscontro continuo alle richieste, specie da parte di giovani laureandi e studiosi di poter fare ricerche, anche per le tesi di laurea, nella biblioteca dell’Istituto; adesione al Sistema Bibliotecario Nazionale, per cui l’archivio del patrimonio librario può essere consultato regolarmente anche via internet attraverso i canali del Sistema Bibliotecario Nazionale; con riferimento ai diversi contatti con il Comune di Squillace, l’Istituto ha avuto incarico di attuare il riordino e l’inventariazione dell’archivio comunale, con annessa dotazione libraria della biblioteca comunale; l’Istituto ha organizzato la mostra dell’opera a fumetti sulla vita di Cassiodoro, pubblicata settimanalmente e per 52 puntate, sulla prestigiosa rivista per ragazzi delle Edizioni Paoline “Il Giornalino”: la mostra consisteva in quarantotto tavole originali a fumetti, disegnate da Stefano Voltolini e sceneggiate da Ottavio De Angelis, esposte al pubblico a Squillace nella chiesa dell’Immacolata. La mostra, organizzata in collaborazione con l’associazione “Centro cultura Cassiodoro”, con il Comune e con la Pro loco, è stata inaugurata alla presenza dell’arcivescovo metropolita mons. Antonio Ciliberti, del sindaco di Squillace Guido Rhodio, di don Antonio Tarzia, scrittore e autorevole esponente delle edizioni San Polo, e di altre autorità. Nel corso della stessa giornata inaugurale l’Istituto ha organizzato la riproposizione di alcuni stralci dell’opera teatrale “Un giorno al Vivarium di Cassiodoro”. Altra attività dell’Istituto riguarda la pubblicazione della rivista “Vivarium Scyllacense”, con cadenza semestrale, sette numeri della rivista scientifica “Cassiodorus”, volumi della “Biblioteca Vivariensis”, i quaderni dell’Istituto, conduzione di studi e ricerche, secondo le finalità statutarie dell’Istituto, presso archivi e biblioteche, con l’acquisizione di atti e documenti in fotocopia; collaborazione con l’Editorie Rubbettino di Soveria Mannelli, per la stampa di libri e l’acquisto di volumi di interesse specifico.

L’Istituto ha partecipato a diversi convegni culturali organizzati in Calabria ed ha partecipato all’organizzazione, insieme all’Università degli Studi Magna Graecia di Catanzaro, alla Diocesi Ortodossa Romena d’Italia e all’Istituto San Dionigi il Piccolo, dei “Colloqui dionisiani”, di cui la seconda giornata di studio si è svolta a Squillace presso la sala conferenze dell’Istituto Cassiodoro.
Uno dei più importanti risultati raggiunti riguarda l’interesse del Santo Padre, papa Benedetto XVI per la figura di Cassiodoro.
“Il Santo Padre – si legge in una lettera firmata dal segretario sostituto Fernando Filoni – incoraggia a proseguire nell’impegno di custodire e trasmettere le memorie cristiane del territorio”. Il papa aveva rilanciato la grande figura di Cassiodoro, in un’udienza generale in Vaticano, dove ha ricevuto moltissimi docenti e studenti di diverse scuole italiane. Benedetto XVI si era soffermato diffusamente su Cassiodoro, additandolo come esempio da imitare nei difficili tempi moderni e rilanciandone la sua poderosa figura politica, umanistica e spirituale. Sulla base di queste premesse l’Istituto Cassiodoro, in collaborazione con il Comune di Squillace, sta avendo contatti con il Vaticano per una possibile cittadinanza onoraria al Papa e una sua eventuale visita prossimamente a Squillace. Ad aprile 2011, l’Istituto si è trasferito (con uffici, materiali vari e biblioteca) nella Casa delle Culture, vicino piazza Vescovado, a Squillace, in un palazzo storico ristrutturato dal Comune di Squillace.
2011 Fondazioni Calabria | informazioni legali | Credits                                                 logo imes
 
- Istituto di Studi Cassiodoro e sul
  Medioevo
- Fondazione Odyssea
- Fondazione Calabria Scienza Oggi
- Fondazione D'Ettoris
- Fondazione  Calabriautonomie
- Fondazione Ferramonti 
- Fondazione M. Rotella 
- Fondazione IMES 
- Centro RAT
- Associazione Culturale AM
  International
- Fondazione Corrado Alvaro
- Fondazione Vincenzo Padula 
- Fondazione Rubbettino
- Fondazione Mario Teti 
- Centro Internazionale di Studi
  Gioachimiti di San Giovanni in Fiore
- Fondazione A. Guarasci 
- Fondazione G. Mancini
- Fondazione G. Morelli
- Fondazione R. Lanzino
- Fondazione F. Seminara
- Fondazione I Sud del Mondo
- Fondazione MuSaBa
- ACAI
- ICSAIC
- Fondazione Piccolo Museo San
  Paolo
- Istituto di epistemiologia "La
  Magna Grecia"
- Fondazione Rhegium Julii
- Fondazione I. Falcomatà 
- Fondazione Mediterranea Terina 
- Fondazione Angelo Frammartino 
- Associazione Teatro Calabria
- Fondazione L.A.L.E.O